Dovrebbe dare le pagelle alla qualità artistica di teatri e teatranti, ma di arte la tabella ministeriale ne contempla ben poca: la griglia con cui si assegnano i trenta punti qualitativi (e conseguenti finanziamenti) individua, infatti, diversi “fenomeni” – è scritto proprio così –, di cui pochi attinenti alla bontà del lavoro in palcoscenico. Da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Con B. in spiaggia scende la bandana

prev
Articolo Successivo

“Siamo un Paese troppo creativo: anche sugli sprechi”

next