Al contrario di quanto affermano i luoghi comuni, allo stato animale il maschio-padre non è necessariamente il genitore che in seguito ignora i suoi piccoli. Nella maggior parte delle specie di uccelli, ad esempio, la cura della prole è garantita equamente dal padre e dalla madre. Tuttavia, negli animali superiori il padre si limita quasi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Come maturano i frutti, l’Abc di tutte le seduzioni

prev
Articolo Successivo

Le dimissioni “ritirate” di Paolo VI e la riabilitazione di don Milani

next