Due recenti articoli, uno uscito sul Corriere il 7 maggio e uno di Gianfranco Vissani, pubblicato ieri sul Fatto, rappresentano due diverse opinioni sull’argomento della “depressione negli chef”. Da una parte emerge che un lavoro logorante, come quello di chi sta in cucina, pone a più alto rischio di depressione; dall’altra Vissani ricorda che uno […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il Merola afghano: cineasta totale di “Nothingwood”

prev
Articolo Successivo

“Il nome della rosa” o, meglio, della risata

next