Caro Furio Colombo, con lo sguardo acuto e il decisionismo immediato di chi trapassa la realtà in un istante, i nuovi compratori dell’Ilva hanno visto subito il punto. Non l’inquinamento, non il tipo di prodotto e di mercato, non il quadro mondiale e quello locale della produzione dell’acciaio. Hanno visto gli esuberi. Prima ancora di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

All’Unità volano gli stracci e Bonifazi molla Pessina

prev
Articolo Successivo

Mail box

next