In questo giorno appiccicoso di caucciù”, per dirla alla Paolo Conte in un momento tristissimo per la morte di Michele Scarponi, ottimo corridore e persona da bene, ci occupiamo di zuppe agrodolci, manzi croccanti-piccanti e involtini primavera. Che però rimangono sul gozzo. Chi avrebbe mai immaginato in una due giorni milanese, a una settimana di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il falso dibattito sul “teo-grillismo” e la diaspora cattolica nelle urne

prev
Articolo Successivo

Gli ebrei italiani, Eugenio Curiel e la memoria corta di Milano

next