La portaerei Carl Vinson e la sua squadra procede, ma non a tutta forza (e questo potrebbe essere un indizio sulle intenzioni di Washington: intimorire ma non colpire, almeno non subito), verso le coste della penisola coreana, presumibilmente nella stessa aerea del Mar del Giappone in cui poche settimane fa si sono svolte le manovre […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Ricordate le bufale su Saddam”

prev
Articolo Successivo

Matteo riempie di “renziani” le liste per il Congresso Pd

next