Davanti alla piccola Chiesa del Seminario consacrata nel nome del Cuore Immacolato di Maria il 28 giugno del 2012, c’è uno spiazzo che profuma, quando è la stagione giusta, di albicocche: un frutteto, infatti, divide le terre del Seminario di Ecône – baluardo della comunità scismatica tradizionalista dei lefebvriani – dalle severe montagne delle Alpi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Sopra la panca il mister campa?

prev
Articolo Successivo

I nuovi confini alla fine del mondo

next