Un miliardo e mezzo. Millecinquecento milioni di euro. È la cifra che la Banca Popolare di Vicenza chiede all’ex presidente Gianni Zonin e agli altri amministratori, all’ex direttore generale Samuele Sorato e ai suoi vice, nonché ai membri del collegio sindacale per i danni procurati alla banca dalla loro malagestio. Gli avvocati Carlo Pavesi, Stefano […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Si traveste da Montanelli ma è sempre Feltri

prev
Articolo Successivo

“È ora che i leader decidano se riformare l’euro o romperlo”

next