Chissà se Elisabetta Sgarbi, nel lavorare al suo film La lingua dei furfanti si rendeva conto che avrebbe sfidato un principio de La semiotica generale molto caro a Umberto Eco. Era la parte del Trattato che riguardava le immagini degli specchi e diceva di esse che non possono mentire e perciò non sono segni. Sgarbi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Da Zero a Zeroskij, 50 anni di carriera festeggiati sul palco

prev
Articolo Successivo

Quant’è grande l’Europa vista dal buco della Serie A

next