I numeri danno l’immagine plastica dell’evento: “Sul palco avremo più di cento persone, per questo motivo abbiamo dovuto rinunciare ad alcuni spazi: perché non erano in grado di contenere il palco”, racconta Renato Zero, da ieri auto-ribattezzato Renato Zerovskij, “perché amo le atmosfere russe”. E “Zerovskij solo per amore”, è l’ultimo progetto ideato dall’artista, un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Quell’ultima volta in cui Di Pietro si trovò davanti Craxi

prev
Articolo Successivo

La storia dei quadri che prima non c’era

next