Samuel non abita più lì: “Avevo l’assoluta necessità di confrontarmi con me stesso. Ho iniziato a scrivere canzoni da bambino e fino ai 18 anni, prima di iniziare con i Subsonica per i successivi 20, avevo sempre ragionato da solo. In un gruppo devi giocare di sottrazione e mettere a disposizione la tua personalità al […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I rumori e gli odori di Istanbul nel presente di Ozpetek

prev
Articolo Successivo

Il più grande errore di Cristo: provare a essere un uomo

next