E fu così che all’Ariston, dove quasi quasi si governa con la legge truffa (con il 50,4% della prima serata scatta il premio di maggioranza) e dove regna un signore fiorentino, andò in scena la rottamazione. Cadono Al Bano, Ron, Gigi D’Alessio, Giusy Ferreri, restano in gara la lacrimevole Bianca Atzei, Alessio Bernabei, Michele Bravi (dato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

“Basta italiani cazzoni, non facciamoci scippare la creatività degli antenati”

prev
Articolo Successivo

Al Massimo Bellini di Catania “La Straniera” ritrova la parola

next