C’è vita a Sanremo, anche se è una vita oltremondana. Deve passare l’una di notte, l’ora in cui le mummie escono dai sepolcri; invece all’Ariston ci entrano, e finalmente il macigno dei primi della classe respira, senza scalette, fervorini, ospitate di 40 minuti e medie ponderate. Il Dopofestival della diarchia Conti-De Filippi non è mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Il cardinal Martini secondo Olmi. Il Cristo con la spada torna in Duomo

prev
Articolo Successivo

La vignetta di Beppe Mora

next