Pare dunque che né Trump né Khamenei rispettino la pausa “sacra” del festival di Sanremo, facendoci paventare nuove tensioni. Ma mentre in Riviera si canta, si suona, si parla e magari pure si stravacca in doppio petto, anche sul territorio nazionale nessun intervallo nei duelli del no e del sì. Nelle istituzioni e nei programmi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il Futuro è una parola “Leopolda”: quindi è già diventato vecchio

prev
Articolo Successivo

Privato: Rai, inchiesta a Torino sull’evasione Iva nella raccolta pubblicitaria

next