Roger, opera d’arte in forma di volée

Roger, opera d’arte in forma di volée

Il massimo della drammaturgia nel gioco più drammaturgico che ci sia, il tennis (l’atletica è uno sport…), si concentra nelle 4 ore scarse di Melbourne, nella finale di ieri degli Australian Open, nell’impianto intitolato al mancino forse più forte di sempre, Rod il rosso Laver, che ho avuto la fortuna di veder giocare dal vivo. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.