» Politica
giovedì 26/01/2017

Caso Raggi, l’assessore ai pm: “Marra me lo suggerì il fratello”

Meloni sentito come testimone racconta che era stato l’ex vicecapo di gabinetto a consigliargli il congiunto. E la posizione della sindaca potrebbe complicarsi
Caso Raggi, l’assessore ai pm: “Marra me lo suggerì il fratello”

Renato Marra mi è stato suggerito dal fratello”. L’assessore allo Sviluppo economico e al Turismo di Roma, Adriano Meloni – sentito due giorni fa come testimone dalla Procura che indaga su Virginia Raggi – ha detto ai pm che ad avergli parlato del vigile urbano non è stata una persona qualunque, ma Raffaele Marra che lavorava già in Campidoglio – prima da vicecapo di gabinetto, poi a capo del Personale – e da dicembre è in carcere con l’accusa di corruzione.

Meloni dice di aver accettato il consiglio anche perché dopo 20 anni di lavoro in America non conosceva nessuno nella Capitale e si è affidato alle indicazioni. Così sarebbero iniziati i blitz contro l’abusivismo commerciale e alberghiero con Renato Marra che all’epoca era nel gruppo Sicurezza Sociale Urbana della Polizia municipale. La versione dell’assessore però ora potrebbe diventare una carta da giocare per i pm di Roma, convinti che a gestire la nomina (poi revocata) di Renato Marra a capo dell’ufficio del Turismo sia stato proprio il fratello. E per coprire ciò, secondo i pm Paolo Ielo e Francesco Dall’Olio, il sindaco Raggi ha anche commesso un falso in atto pubblico, quando nella nota “indirizzata al Responsabile della Prevenzione della Corruzione di Roma Capitale, confermava, contrariamente al vero, che il ruolo di Marra in relazione alla procedura per la nomina del fratello era stato di mera pedissequa esecuzione delle determinazioni da lei assunte senza alcuna partecipazione alle fasi istruttorie, di valutazione e decisione”, come è scritto nel capo di imputazione.

La nota è stata trasmessa all’Anticorruzione che l’ha inviata in Procura: così è stata acquisita nel fascicolo sulle nomine. A Raggi e Marra è contestato anche l’abuso d’ufficio. Che per i pm si sarebbe realizzato in due fasi: quando Raffaele Marra partecipa all’iter della nomina del fratello anziché astenersi per evitare un conflitto di interessi; e quando Raggi omette “una valutazione comparativa dei curricula degli aspiranti dirigenti”. Tutto ciò, secondo l’accusa, per procurare “intenzionalmente a Renato Marra un ingiusto vantaggio di fascia retributiva”: ossia 20 mila euro lordi l’anno in più.

La conferma del ruolo di Marra nella nomina viene da alcune chat. Una su Telegram tra Raggi, Raffaele Marra, l’ex capo della segreteria Salvatore Romeo e l’ex vicesindaco Daniele Frongia, denominata “Quattro amici al bar”. In un messaggio la sindaca si informa solo dopo la nomina sullo stipendio di Renato Marra. E poi ci sono le conversazioni telefoniche tra i due fratelli: Raffaele indirizza Renato sulla domanda da fare e sulle tempistiche.

di Valeria Pacelli e Andrea Managò

Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.
Politica
L’inchiesta nata a Frosinone

Rifiuti, sequestrati 10 impianti di Cerroni. C’è anche Malagrotta

Il gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone ha posto sotto sequestro ieri gli impianti della società Egiovi di Malagrotta (Roma), riconducibile al signore della “monnezza” Manlio Cerroni, dove sono trattati ancora oggi buona parte dei rifiuti romani. Le linee proseguiranno l’attività sotto la responsabilità di un amministratore giudiziario, nominato dalla Procura di Roma. Oltre a Malagrotta, il sequestro ha riguardato complessivamente dieci impianti di trattamento di rifiuti del Lazio, concentrati nell’area sud della regione, e la discarica di Frosinone gestita dalla Mad.

Più di trenta sono gli indagati, con un’ipotesi di reato, a vario titolo, di attività organizzate per il traffico illecito di rifiuti, truffa aggravata, frode in pubbliche forniture e violazione di prescrizioni Aia. L’inchiesta è partita dalla denuncia di alcuni comitati di cittadini che abitano nei pressi della discarica di Frosinone ed è condotta dalla Direzione distrettuale antimafia di Roma, competente per il reato di traffico organizzato di rifiuti.

Politica

“Sisma, hotel crollato per i troppi abusi”

Politica

“Devi parlare con lui”. Nelle carte del Riesame il ruolo dell’ex ufficiale

Il presunto boss, il Pd e il “tumore” M5S
Politica
Nel Lazio

Il presunto boss, il Pd e il “tumore” M5S

di

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×