C’è la famiglia Sgobba e la signora Ditta, ci sono bambini che si chiamano Grazie, Dammi e Voglio ma soprattutto c’è una terra lontana chiamata Moneta. È in questo luogo che si svolgono le (dis)avventure di tutti in uno dei capitoli di Liberi da interessi sottotitolo “il debito pubblico italiano spiegato ai bambini, ai ragazzi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Che maltempo che fa. Meteo e potere nei secoli

prev
Articolo Successivo

Shaun Tan, quando l’immigrazione poteva essere soltanto una fiaba muta

next