La Procura di Palermo chiede l’archiviazione dell’inchiesta sull’uccisione dell’agente Nino Agostino e della moglie Ida Castelluccio, assassinati il 5 agosto 1989. Non sono state acquisite, infatti, le prove sufficienti “a esercitare l’azione penale” nei confronti dei tre indagati: i mafiosi Nino Madonia e Gaetano Scotto e l’ex poliziotto Giovanni Aiello (detto Faccia di Mostro), indicato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il contadino Cédric salva i migranti e finisce alla sbarra

prev
Articolo Successivo

Il premier si prende pure il Fisco: al vertice ci sarà un renziano

next