I soldi di Milano “smaltiti” in miniera in Montenegro

Strano affare - La multiservizi A2A, la più grande del Nord Italia, ha investito 457 milioni in quote dell’ “Enel balcanica” senza ricavarne un euro. Sullo sfondo, l’oscura famiglia del primo ministro

14 Novembre 2016

Dal 2009 i cittadini di Milano e Brescia sono proprietari al 40% di una centrale elettrica a lignite. E anche della miniera che la alimenta. Gli impianti si trovano in Montenegro, a Pljevlja, cittadina vicino al confine con la Serbia asfissiata dai fumi dell’impianto. È qui che A2A, la più grande società multiservizi del Nord […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.