Ho scritto più di una volta che oggi i direttori d’orchestra migliori, anzi i soli accettabili in tutto, sono fra i settanta e i novant’anni, con qualche ridotta eccezione: se si pensa che ultraottantenni sono, in ordine decrescente d’età, Herbert Blomstedt (89), Bernard Haitink (87), ambedue felicemente sulla breccia, Nello Santi, che ha festeggiato sul […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La guerra tra Barcellona e Madrid è sotto il mare

prev
Articolo Successivo

Capriole in area: il Pipita gregario, Sassuolo in crisi

next