Nel 1970, Walter Chiari telefonò a casa di Lelio Luttazzi e lasciò per lui un messaggio alla governante: “Il signor Chiari dice che può rintracciarlo all’Hotel Baglioni di Bologna e le chiede un favore. Dovrebbe chiamare il signor Bettarelli al suo posto e pregarlo di mettersi in contatto con lui”. Bettarelli era uno spacciatore, Luttazzi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il mondo in mano alle pluricrazie. Dialogo con Cornelius Noon

prev
Articolo Successivo

“L’ora legale” di Ficarra e Picone: “Cosa succede se vince l’onesto?”

next