Tagli, bonus e fantasia: la manovra elettorale

La manovra sale da 22,5 a 26,5 miliardi. Il premier: “La sanatoria sulle cartelle di Equitalia vale 4 miliardi”. Ma gli stessi testi del governo lo smentiscono
Tagli, bonus e fantasia: la manovra elettorale

In nessun Paese europeo una manovra finanziaria viene presentata senza neanche delle tabelle minime per verificare entrate e uscite. Accade in Italia: il Consiglio dei ministri dà l’ok alla nuova legge di Bilancio alla cieca. Nessun testo, nessuna tabella, ma solo le slide che Matteo Renzi, affiancato dal ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, illustra in […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Entra ne Il Fatto Social Club

In offerta per il primo mese a solo 1€

Abbonati ora
© 2009-2019 RIPRODUZIONE RISERVATA - Il Fatto Quotidiano - Ti preghiamo di usare i bottoni di condivisione, e di non condividere questo articolo via mail o postarlo su internet, il giornalismo indipendente ha un costo, che può essere sostenuto grazie alla collaborazione dei nostri lettori.