Sono all’angolo di una concitata strada di Roma. Un ragazzo in bicicletta, con un pacco ingombrante da consegnare, è fermo al semaforo. “Lei come vota?” mi chiede. Rispondo che voto no. “Io ci sto ancora pensando” fa in tempo a dirmi, rimettendosi in corsa. Mi domando su che cosa si concentra la sua riflessione, dal […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

La vignetta di Franzaroli

prev
Articolo Successivo

Irresistibilmente grati a dispetto delle convenienze

next