Domani su Netflix andrà in onda un documentario sul processo Meredith Kercher realizzato da due registi americani, Brad McGinn e Rod Balckhurst, in cui si narra la vicenda da un punto di vista inatteso e spiazzante, da una di quelle angolazioni che, considerata la cittadinanza dei registi, ti sorprendono dal primo fotogramma: Amanda Knox non […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Massimo Fini: “Andremo a sbattere. O almeno io lo spero…”

prev
Articolo Successivo

“We Are Not Afraid”, il rock ci mette la faccia

next