Quando pensiamo sia tutto finito, tutto finisce per davvero. Anche la vita di una ragazzina di 13 anni, condannata a vivere con dolore, vergogna e frustrazione il suo essere donna. Non siamo in Pakistan o in Africa centrale. Siamo in Italia, a Melito di Porto Salvo, nella città metropolitana di Reggio Calabria, ma potremmo essere […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Finanza, nei guai il generale amico di Moggi

prev
Articolo Successivo

Il re di quadri

next