Sono state pubblicate biblioteche di fumetti sulle grandi tragedie collettive, ma i graphic novel che raccontano tragedie private e banali nella loro ineluttabilità sono rarissimi. Forse non vendono, forse nessun autore, per quanto desideroso di catarsi, ha voglia di rivivere i propri traumi per i mesi necessari a disegnare le tavole e in tutte le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il tributo di Perrella alla storia e agli scrittori

prev
Articolo Successivo

Warhol & Amiga: la prima opera digitale della storia

next