Nel fumetto di Paul Hornschemeier non ci sono protagonisti, soltanto comprimari. Nel senso che anche Amy, la ragazza di 26 anni al centro della narrazione, non ha una sola caratteristica che possa identificarla come più rimarchevole delle altre comparse. È una di quelle persone che quando chiedi loro come si descriverebbero rispondono “normale”, e intendono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

New York 1984, l’anno zero della street art

prev
Articolo Successivo

Boom! il quiz sadomaso con gli spettatori da museo

next