Da un lato Andrea Agnelli, presidente della Juventus ed erede della famiglia simbolo del capitalismo italiano. Dall’altro Rocco Dominello, indagato per associazione mafiosa ed erede di una famiglia di ‘ndrangheta legata a un clan di peso, i Bellocco di Rosarno. In mezzo ai due, un solo grado di separazione: Alessandro D’Angelo, security manager dei bianconeri […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 19,99€ per 3 mesi

Articolo Precedente

Villeggiatura col boss: i fedelissimi di Putin trovano dacia vicino alla sua

prev
Articolo Successivo

Nella piazza dell’Ulivo, gli ultras laziali invocano la dipartita dell’odiato Lotito

next