Fantautore, casalingo stralunato; poi l’India, l’amour, la fase da Beck del novarese, l’estero, un po’ tanta normalizzazione…Bugo, l’autore polistrumentista da giornate lebowskiane, ora ha la barbetta e l’esperienza necessaria per far sapere al mondo trepidante (Italia indie) che torna sulle scene con un cd. Nessuna scala da salire non ha la spontaneità balorda dei primi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Il nuovo corso dei criminali innocenti di Ben Harper

prev
Articolo Successivo

Mefistofele al Fmi e la corruzione “molto elevata”

next