Lui è bravo. Ma è da ricovero”. Prima che Dalle rovine (edito da Tunué) diventasse realtà, entrando anche a far parte della sacra dozzina del Premio Strega, Luciano Funetta – romano, classe ’86 – aveva accumulato ben venti dinieghi dal mondo editoriale. Spaziando dalla cortesia alla cattiveria pura. “I rifiuti letterari mescolano bugie e verità. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€/mese

Articolo Precedente

Elogio della poesia, il nuovo film di Jarmusch

prev
Articolo Successivo

Il fascismo di Montanelli, prima e dopo il ’37

next