Le grane

La sfiducia, il Sì e i fischi. Matteo finisce nel petrolio

La prova del Senato rinviata a dopo il 17 aprile. Anche il fedelissimo Giachetti con i No Triv. E ora saltano le comparsate

7 Aprile 2016

Ad accogliere Matteo Renzi, a Napoli, ci sono le pietre e i lacrimogeni. Se la strada manifesta contro il progetto per Bagnoli del governo, nel Palazzo le opposizioni protestano contro la decisione di votare la mozione di sfiducia al governo sul caso Tempa Rossa, il 19 aprile, dopo il referendum sulle trivelle. Proprio mentre la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 11,99€ per il primo mese
Dopo 15,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.