Chitarre taglienti e distorte, basso con linee efficaci e un senso del groove che spinge, e di molto, accompagnano liriche dense di rabbia che parlano di disillusioni e lacerazioni mai sopite. È questo, in sintesi, Mondo al contrario, il secondo lavoro di Ilenia Volpe, una a cui il titolo di Foxy Lady calza – per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

In offerta per il primo mese a solo 1€*

(*successivamente 17,99€ / mese)
Articolo Precedente

Dopo Trainspotting si torna al futuro

prev
Articolo Successivo

Più Europa, meno diritti: il post-Bruxelles progressista

next