/ / di

Fabiana Gianni Fabiana Gianni

Fabiana Gianni

Attivista per i diritti dei disabili

Fabiana Gianni, classe ’72, maturità scientifica e studi in legge. Nel 1998 attraverso la nascita di Diletta, cerebrolesa per un danno da parto, ha inizio l’approccio alla disabilità. Specificamente quella infantile. La disabilità diventa pane quotidiano. Sono tra le fondatrici del gruppo “Genitori Tosti” che si occupa degli aspetti distorti della disabilità. La missione è perseguire l’inclusione e non l’integrazione. La missione è quella di far sorridere le famiglie con figli disabili trasmettendo messaggi di allegria e non di triste e opportunista solidarietà. Le famiglie devono avere il diritto di vivere serene. Abbandona tutto il resto e si concentra solo su questo associandosi ad “Handiamo! ONLUS!”. Nel 2009 trova il coraggio di costitutire la “Fattoria didattica sociale” e cerca di raggiungere la costituzione di una associazione che ancora non esiste sulla carta ma è già certa nel cuore che si chiamerà “Diletta”. In questo luogo dovrà esistere un centro dove si possa fare tutto ciò che fuori è socialmente compromettente: ballare con le carrozzine, truccare ragazze gravemente disabili, creare abbigliamento da carrozzina che sia trendy e gradevole, organizzare feste, gite, viaggi, aiutare le madri che perdono il lavoro per seguire i figli coinvolgendole nelle attività, aiutare la famiglia con servizi di baby sitting reale e competente e tanto altro. Perché la disabilità mi ha aiutato ad essere felice e mia figlia Diletta mi ha reso madre e donna serena, equilibrata e felice. Perché ogni battaglia vinta concede a mia figlia una opportunità che ingiustamente le è stata tolta. Così, da tutte le esperienze precedenti finalmente nasce la Fondazione Villa Point che persegue tutti gli obiettivi fin qui raggiunti per vie singole. Un punto di insieme e di incontro per tendersi reciprocamente la mano nel raggiungere la meta dell’inclusione. Inclusione dettata dall’istinto. Questa è la vera metta ambiziosa.

Blog di Fabiana Gianni

Diritti - 10 novembre 2017

Muoversi a Roma per le persone con disabilità? Di fatto, è impossibile

Roma è una grande città nel caos, con un trasporto pubblico degenere ormai da troppo tempo. Strade piene di buche, voragini e deformazioni di varia natura che sono tristemente diventate una nostra caratteristica. Come muoversi è un punto interrogativo per tutti. Di fatto è impossibile per chi è in sedia a rotelle. Chi deve usare il mezzo […]
Società - 12 settembre 2017

Roma, cambia il parroco e si incrina una comunità. Come nel mio quartiere

Ho sempre raccontato le nostre esperienze di vita quotidiana anche quando il dispiacere per ciò che mi trovavo ad affrontare era notevole. Oggi è una di quelle volte lì. Da oltre un anno, inizio a scrivere della delusione che la mia parrocchia di quartiere, gestita dai Padri Paolini, ha portato nella nostra vita e nei […]
Diritti - 28 luglio 2017

Disabilità, l’estate è arrivata e con lei le vacanze. Per chi può permettersele

E da dove inizio oggi il mio consueto racconto? Ho incontrato tante famiglie in questi mesi. Ho cercato innanzitutto di rassicurare quanti vivono con grande angoscia il sopraggiungere delle vacanze estive. Un trimestre che, se per molti diventa occasione di viaggi, sole, relax, gelati e passeggiate, per altri rappresenta un vero incubo soprattutto psicologico. Non […]
Diritti - 12 maggio 2017

Disabili, la crociata per ottenere (forse) l’Home care premium dall’Inps

Ci risiamo. Ennesima domanda per pretendere il riconoscimento di un diritto di mia figlia Diletta, milionesimo foglio compilato dal compimento dei suoi 18 anni di età. Questa volta tocca al bando dell’Inps Home care premium 2017, i contributi per l’assistenza domiciliare a persone con disabilità riservati a lavoratori e pensionati pubblici. Realizzo che avere un dialogo con l’Inps […]
Diritti - 22 marzo 2017

Disabili e scuola, l’inclusione a ogni costo può essere un errore

Periodicamente si affronta il tema della riforma della scuola e spesso si tocca il tema degli alunni con disabilità. Innanzitutto occorrerebbe partire da una premessa che a mio avviso si tralascia completamente: la disabilità può comprendere davvero tutte le patologie? Altro quesito: chi interpreta l’espressa volontà dell’alunno con disabilità grave? E ancora: il traguardo del […]
Diritti - 6 marzo 2017

Fine vita, vivere o morire? L’importante è poter scegliere

Da giorni in tantissimi seguiamo la vicenda di dj Fabo. Un giovane che grazie all’aiuto della fondazione Luca Coscioni e in particolar modo di Marco Cappato, dopo un percorso per nulla semplice che lo ha portato sino in Svizzera, ha scelto di porre fine alla propria esistenza. Ho letto e ascoltato in questi giorni svariati […]
Diritti - 31 gennaio 2017

Disabilità e amore, mia figlia 18enne Diletta si è innamorata

Da un po’ di tempo non riesco a concedermi il tempo necessario per raccontare di tanti argomenti spessi dimenticati. Dal diciottesimo compleanno di Diletta è cambiato tutto. E non vi nascondo che ho arrancato non poco per adattarmi alle fantasiose novità che la burocrazia impone. A distanza di mesi mia figlia è rinata maggiorenne anche per […]
Diritti - 18 novembre 2016

Bonus 500 euro ai 18enni, perché ai disabili no?

Pochi giorni fa ho scritto a proposito dei 18 anni di Diletta e della mia nomina ad Amministratore di Sostegno. La settimana scorsa inizio la procedura per il bonus di 500 euro destinato dal governo Renzi ai giovani nati nel 1998. Ho cercato di capire cosa fosse esattamente ed in realtà ho compreso che si […]
Diritti - 7 novembre 2016

Disabilità, i 18 anni di Diletta: auguri a lei e autocritica a me

Lo scorso 20 ottobre Diletta ha compiuto 18 anni. Negli ultimi mesi avevo letto con attenzioni i racconti e le esperienze degli altri genitori. Più che altro leggevo di burocrazia avversa e infame. Poco avevo letto in merito alle emozioni, alla festa, al contorno di presunta normalità che solitamente accompagna questo momento. Il giorno è […]
Diritti - 27 settembre 2016

Disabilità, perché lo spot di Zalone non mi fa ridere

Da qualche giorno è diventato virale il video in cui Checco Zalone è protagonista di uno spot televisivo definito “allegro” e volto alla raccolta di donazioni alle famiglie con Atrofia muscolare spinale (Sma) e alla ricerca. Come? Attraverso una comunicazione efficace rivolta a tutti. Come genitore di un figlio gravemente disabile mi dissocio totalmente da […]
Quando anche un cassetto può diventare un’arma. Ikea e lo spot contro la violenza sulle donne
Svizzera, in Canton Ticino salario minimo da 3mila euro ma c’è già chi si lamenta “E’ troppo poco per fermare gli italiani”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×