/ di

Fabiana Gianni Fabiana Gianni

Fabiana Gianni

Attivista per i diritti dei disabili

Fabiana Gianni, classe ’72, maturità scientifica e studi in legge. Nel 1998 attraverso la nascita di Diletta, cerebrolesa per un danno da parto, ha inizio l’approccio alla disabilità. Specificamente quella infantile. La disabilità diventa pane quotidiano. Sono tra le fondatrici del gruppo “Genitori Tosti” che si occupa degli aspetti distorti della disabilità. La missione è perseguire l’inclusione e non l’integrazione. La missione è quella di far sorridere le famiglie con figli disabili trasmettendo messaggi di allegria e non di triste e opportunista solidarietà. Le famiglie devono avere il diritto di vivere serene. Abbandona tutto il resto e si concentra solo su questo associandosi ad “Handiamo! ONLUS!”. Nel 2009 trova il coraggio di costitutire la “Fattoria didattica sociale” e cerca di raggiungere la costituzione di una associazione che ancora non esiste sulla carta ma è già certa nel cuore che si chiamerà “Diletta”. In questo luogo dovrà esistere un centro dove si possa fare tutto ciò che fuori è socialmente compromettente: ballare con le carrozzine, truccare ragazze gravemente disabili, creare abbigliamento da carrozzina che sia trendy e gradevole, organizzare feste, gite, viaggi, aiutare le madri che perdono il lavoro per seguire i figli coinvolgendole nelle attività, aiutare la famiglia con servizi di baby sitting reale e competente e tanto altro. Perché la disabilità mi ha aiutato ad essere felice e mia figlia Diletta mi ha reso madre e donna serena, equilibrata e felice. Perché ogni battaglia vinta concede a mia figlia una opportunità che ingiustamente le è stata tolta. Così, da tutte le esperienze precedenti finalmente nasce la Fondazione Villa Point che persegue tutti gli obiettivi fin qui raggiunti per vie singole. Un punto di insieme e di incontro per tendersi reciprocamente la mano nel raggiungere la meta dell’inclusione. Inclusione dettata dall’istinto. Questa è la vera metta ambiziosa.

Blog di Fabiana Gianni

Diritti - 29 giugno 2018

Cara mamma di Bergamo, ho una figlia anch’io e dico che la colpa non è di quelle ragazzine

Cara mamma di un figlio disabile come il mio, cara mamma che dopo 15 anni devi ancora ascoltare il male che si fa uomo attraverso alcuni coetanei che non sono come i nostri figli. Mia figlia di anni ne ha quasi 20 e ne ho sentiti tanti di commenti di questo tenore da bambini e […]
Diritti - 26 giugno 2018

Disabili: quello che le madri non dicono per senso di colpa, io voglio gridarlo

Tre figlie. La prima gravemente disabile. Per molti anni ho creduto alle belle parodie di normalità e inclusione che hanno retto fino alla prima vera autonomia della mia seconda figlia che oggi ha 14 anni. La prima affermazione che pulsa nella mia testa è che, seppure vero l’assunto che ogni figlio è a sé, esistono […]
Diritti - 23 maggio 2018

Disabili, in Italia la solidarietà sostituisce i servizi. Non possiamo accettarlo

Ultimamente leggo molte notizie che rendono note le qualità solidali della nostra società. Effettivamente l’Italia pullula di gruppi più o meno organizzati che a vario titolo dedicano il loro tempo, le loro competenze e le loro risorse alle necessità del prossimo. Indubbiamente è un valore importante. Certamente motivo di orgoglio. La solidarietà sostituisce la carenza […]
Diritti - 16 febbraio 2018

Mia figlia disabile ha grandi ambizioni, ma per lo Stato non ha il diritto di sognare

Il buio in fondo al tunnel è ciò che si vede all’orizzonte da quando abbiamo iniziato a valutare cosa farà Diletta dopo la scuola superiore. Il panorama che ci è offerto è piuttosto triste. Il centro diurno: sette ore circa da lunedì al sabato di presunte attività. Mi assalgono migliaia di dubbi. Ad esempio mi chiedo […]
Società - 24 dicembre 2017

Natale, auguri ‘alieni’ a tutti

Qualche giorno ricevo un messaggio molto carino che mi indica un audio realizzato in modo particolare e su suggerimento di un bambino dieci anni che vive la realtà di essere fratello di un ragazzino disabile. Anche le sorelle di Diletta vivono questa realtà da sempre. Nonostante a volte riusciamo a dimenticarlo e a vivere tranquillamente, […]
Diritti - 10 novembre 2017

Muoversi a Roma per le persone con disabilità? Di fatto, è impossibile

Roma è una grande città nel caos, con un trasporto pubblico degenere ormai da troppo tempo. Strade piene di buche, voragini e deformazioni di varia natura che sono tristemente diventate una nostra caratteristica. Come muoversi è un punto interrogativo per tutti. Di fatto è impossibile per chi è in sedia a rotelle. Chi deve usare il mezzo […]
Società - 12 settembre 2017

Roma, cambia il parroco e si incrina una comunità. Come nel mio quartiere

Ho sempre raccontato le nostre esperienze di vita quotidiana anche quando il dispiacere per ciò che mi trovavo ad affrontare era notevole. Oggi è una di quelle volte lì. Da oltre un anno, inizio a scrivere della delusione che la mia parrocchia di quartiere, gestita dai Padri Paolini, ha portato nella nostra vita e nei […]
Diritti - 28 luglio 2017

Disabilità, l’estate è arrivata e con lei le vacanze. Per chi può permettersele

E da dove inizio oggi il mio consueto racconto? Ho incontrato tante famiglie in questi mesi. Ho cercato innanzitutto di rassicurare quanti vivono con grande angoscia il sopraggiungere delle vacanze estive. Un trimestre che, se per molti diventa occasione di viaggi, sole, relax, gelati e passeggiate, per altri rappresenta un vero incubo soprattutto psicologico. Non […]
Diritti - 12 maggio 2017

Disabili, la crociata per ottenere (forse) l’Home care premium dall’Inps

Ci risiamo. Ennesima domanda per pretendere il riconoscimento di un diritto di mia figlia Diletta, milionesimo foglio compilato dal compimento dei suoi 18 anni di età. Questa volta tocca al bando dell’Inps Home care premium 2017, i contributi per l’assistenza domiciliare a persone con disabilità riservati a lavoratori e pensionati pubblici. Realizzo che avere un dialogo con l’Inps […]
Diritti - 22 marzo 2017

Disabili e scuola, l’inclusione a ogni costo può essere un errore

Periodicamente si affronta il tema della riforma della scuola e spesso si tocca il tema degli alunni con disabilità. Innanzitutto occorrerebbe partire da una premessa che a mio avviso si tralascia completamente: la disabilità può comprendere davvero tutte le patologie? Altro quesito: chi interpreta l’espressa volontà dell’alunno con disabilità grave? E ancora: il traguardo del […]
Lo stalker di Lara Comi al processo: “Non ho mai voluto minacciarla, sposarla era il mio sogno”
Pride Milano, Netflix tappezza la metro di arcobaleni. E i pendolari apprezzano: “Campagna intelligente che critica Fontana”

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×