/ di

Bruno Ballardini Bruno Ballardini

Bruno Ballardini

Esperto di comunicazione strategica, saggista

Sono nato a Venezia nel 1954. Mi sono laureato in Filosofia del Linguaggio con Tullio de Mauro e ho studiato composizione e musica elettronica con Franco Evangelisti. Come pubblicitario ho militato nelle più grande agenzie, ora mi occupo di comunicazione strategica e scrivo libri. Quelli a cui sono più affezionato sono due: uno del 1994 in cui ho dichiarato per primo la morte della pubblicità, uscito di nuovo recentemente in edizione aggiornata. E un altro del 2000 in cui ho dimostrato che è stata la Chiesa a inventare il marketing, libro tradotto in 11 paesi. Nel 2011 esce Gesù e i saldi di fine stagione (Piemme) ed è la risposta a una sfida che mi è stata lanciata da un cardinale. Spero di avergli risposto a tono. Nel 2014 pubblico Leader come Francesco (Piemme). Il mio ultimo libro è del 2015 e s’intitola ISIS® Il marketing dell’Apocalisse (Baldini & Castoldi).

Blog di Bruno Ballardini

Media & Regime - 9 agosto 2018

Estate a Ostia, quando ‘Roma Capoccia’ parte di capoccia…

Se l’obiettivo era quello di far incazzare più gente possibile, la campagna radiofonica in onda nel circuito della Metropolitana, con cui il Comune di Roma sta annunciando l’Estate Romana a Ostia, l’ha centrato in pieno. Con una capocciata. Lo speaker (l’attore Fabio Avaro) recita: «Quest’anno l’Estate romana si svolge anche al mare di Roma: mostre di pittura, musica, […]
Media & Regime - 28 giugno 2018

Netflix per il Gay pride, la campagna ‘Rainbow is the new black’ è un autogol della comunità Lgbt

Ma che peccato. Un’occasione mancata. Sia detto senza alcun secondo fine, però quando vediamo una campagna che potenzialmente poteva essere sviluppata in modo più efficace, ci piange il cuore. Il nostro vecchio e malandato cuore di pubblicitari di un’altra generazione. Ma qui forse (probabilmente) il marketing dell’azienda che ha firmato la comunicazione, cioè Netflix, ha […]
Media & Regime - 3 settembre 2017

Se il Buondì si vede dal mattino…

Non è affatto vero che di fronte a una cosa fatta male, o addirittura un insulto all’intelligenza, la soluzione migliore sia ignorare. Per chi ha a cuore l’ecologia della comunicazione è sbagliato non analizzare di tanto in tanto la logica e i modelli di riferimento. Quindi, parliamo dei nuovi spot per Buondì Motta. E parliamo […]
Mondo - 20 agosto 2016

Siria, i bambini ostaggio dei media

L’immagine del piccolo Omran Daqneesh, estratto dalle macerie dei bombardamenti ad Aleppo ha fatto ormai il giro del mondo. La tecnica è sempre la stessa: scatenare il pietismo per i “poveri bambini vittime innocenti della guerra” e subito dopo la condanna verso chi più di tutti sta invece cercando di liberare la Siria dall’Isis e dai […]
Media & Regime - 28 luglio 2016

Terrorismo e media, l’Isis non va in vacanza

“Cosa passa per la testa di un ragazzo che prende il suo telefono e inizia a filmare le persone che agonizzano sulla Promenade di Nizza, ne raccoglie i gemiti e poi li mette su Facebook?” si è chiesto il direttore di Repubblica nel suo editoriale di ieri. Nulla. Non passa assolutamente nulla. Esattamente come non passava […]
Media & Regime - 26 settembre 2015

Isis: scimitarre e ghirlande di palma, il simbolo delle vittime della propaganda

Per chi si occupa di comunicazione, la guerra in Siria e in Iraq è uno spettacolo pieno di colpi di scena. Non si era mai visto prima d’ora un impiego così massiccio delle tecniche di propaganda più raffinate da parte di tutte le forze in campo. Purtroppo, le prime vittime a cadere sul campo sono […]
Mondo - 2 luglio 2015

Isis: chi di spot ferisce…

Non s’era mai visto nulla del genere prima d’ora: una battaglia a colpi di spot. C’eravamo quasi abituati all’uso incredibilmente spregiudicato della propaganda video da parte dell’Isis, articolato non soltanto in format, ma anche organizzato secondo un vero e proprio palinsesto, che ho avuto modo di analizzare a fondo nel mio ultimo libro. Nessuno si […]
Società - 14 giugno 2015

Pubblicità: l’idiozia va a teatro

Non è bastato l’Isis a farci cambiare atteggiamento. Quando è possibile, continuiamo a scherzare in modo demenziale sulle tragedie degli altri. A ripensarci bene, risulta incomprensibile perfino l’alzata di scudi per difendere la libertà di satira dopo l’attentato a Charlie Hebdo. Perché il terrorismo non si combatte ridendoci sopra, e libertà di satira non significa […]
Media & Regime - 11 giugno 2015

Pubblicità di pannolini: come farla fuori dal vaso

Sessista. È questo il giudizio più diffuso sul nuovo spot per i pannolini Huggies prodotti dalla Kimberly-Clark che in questo mercato si contende il primato con Procter & Gamble (Pampers). È molto probabile che abbia fatto saltare sulla sedia perfino la Boldrini. Ma a noi non ha impressionato più di tanto. C’è una giustificazione di […]
Società - 23 maggio 2015

Pubblicità Fiat ‘rovina’ San Pietro: ciò che non fece l’Isis, lo fece il Vaticano

Non c’è molto da dire, le immagini valgono più di qualsiasi commento: Marchionne è riuscito ad anticipare l’Isis e, prima che i mujaheddin siano riusciti a far sventolare, come annunciato, la bandiera nera sull’obelisco di piazza San Pietro, ha fatto erigere un banner della madonna. Da alcune angolazioni l’impatto è più dissacrante del “Dito” (medio) di Cattelan […]
Giornalisti vittime o intoccabili? Quale futuro per la professione
M5s, parte della stampa lo demonizza. Ma dittatura e fascismo non appartengono al Movimento

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×