/ di

Andrea Lupi e Pierluigi Morena Andrea Lupi e Pierluigi Morena

Andrea Lupi e Pierluigi Morena

Avvocati internazionalisti

Pierluigi Morena

Sono avvocato con formazione in diritto italiano e spagnolo. Ho esercitato la professione forense a Madrid per due anni, titolare di studio membro dell’Unione internazionale degli Avvocati. Mi occupo di diritto civile, commerciale interno ed internazionale, recupero crediti all’estero. Svolgo l’attività professionale anche a Barcellona dove collaboro con lo studio Attis Legal. Sensibile alle tematiche ambientali, sono impegnato in battaglie per la tutela del territorio. Un bel giorno, all’improvviso, mi sono appassionato di scrittura. Così ho iniziato con articoli e con poesie arrivando a sperimentare testi per la video art e infine racconti, il più recente è L’ultimo chilometro prima del vento.

Andrea Lupi

Sono avvocato con formazione in diritto spagnolo e italiano.Esercito la professione forense a Barcellona, socio fondatore dello Studio Legale Internazionale Attis Legal, SLP. Mi occupo di Derecho Civil, Laboral e ancora Internacional forte della collaborazione con studi associati che operano strategicamente nel mondo. Mi unisce a Pierluigi Morena una fortissima amicizia, progetti internazionali di lavoro e una visione spesso comune delle cose. Abbiamo così deciso di raccontare storie spagnole partendo dalla nostra professione, quindi da un ulteriore punto di vista. Oramai perfettamente integrato nella cultura spagnola da oltre tredici anni, scopro, di giorno in giorno, il peso e l’importanza della nostra italianità.

Blog di Andrea Lupi e Pierluigi Morena

Zonaeuro - 12 marzo 2018

Reddito di cittadinanza, come funziona in Spagna (dove esiste davvero)

Varia la denominazione, da regione e regione, cambia anche la sostanza. La Spagna ha introdotto da qualche anno l’istituto del reddito di cittadinanza, tuttavia lo Stato centrale ha demandato alle regioni (las comunidades autónomas) la facoltà di riconoscere e disciplinare la misura sociale. A Madrid, come più a sud in Andalusia, lo chiamano reddito minimo di […]
Mondo - 26 febbraio 2018

Da Madrid a Firenze, come Airbnb determina i nuovi modelli di città

Spesso si legge del profondo mutamento subito da Firenze, con il centro “intasato” da appartamenti messi a disposizione del turismo veloce, quello strettamente legato alle rotte delle linee aeree lowcost. A Madrid a incidere sulla pianificazione urbanistica della terza metropoli europea (è inferiore in numero di abitanti solo a Londra e Berlino) non è tanto […]
Mondo - 8 febbraio 2018

Catalogna e Tabarnia, cosa resta di chi vuole ‘separarsi dai separatisti’

Non è difficile comprendere quante fratture si siano create nella società catalana in conseguenza dell’aspro scontro sulla questione indipendentista. È come se una regione prospera e  operosa abbia deciso di rompersi, parte rilevante della classe imprenditoriale e delle organizzazioni datoriali vedono con sospetto il progetto separatista temendo l’isolamento internazionale, con l’uscita dall’eurozona e i possibili […]
Mondo - 22 gennaio 2018

Spagna, con la ‘matanza de Atocha’ si ricorda anche il caso Regeni

È conosciuta come la “matanza de Atocha”, la strage che il 24 gennaio del 1977 scosse le fragili fondamenta sulle quali poggiava la struttura democratica di una Spagna appena uscita dal regime franchista. L’estrema destra post-franchista provò a destabilizzare la Transizione iberica con l’assassinio, nel pieno centro di Madrid, di cinque avvocati giuslavoristi, professionisti legati […]
Mondo - 29 dicembre 2017

Tabarnia, perché una striscia (catalana) fra Tarragona e Barcellona non vuole l’indipendenza

Nelle ultime settimane “Tabarnia” è il termine più cercato nei motori di ricerca dei pc spagnoli. Un termine desueto “rispolverato” dall’associazione civica Barcelona is not Catalonia, una crasi, sorta di acronimo che racchiude Tarragona e Barcellona, province opulente e produttive che hanno riaffermato, con la consultazione regionale dello scorso 21 dicembre, di essere contrarie alla […]
Mondo - 17 novembre 2017

Catalogna, dopo il referendum resta una società che ha dimenticato la democrazia

I Mossos d’esquadra, la polizia regionale, e la Guardia municipale si occupano del servizio d’ordine nelle manifestazioni secessioniste (oceaniche e pacifiche), la polizia nazionale e la Guardia Civil sono chiamate a vigilare sui cortei unionisti (moltitudinari e ugualmente pacifici). È questo uno dei segni della disgregazione profonda che attraversa ogni ambito della società catalana. Divisi […]
Mondo - 30 ottobre 2017

La Catalogna ha preferito andare allo scontro, ma ora si ritrova lacerata e sola

L’Aula parlamentare piena a metà, con gli indipendentisti in piedi a intonare “Els Segadors”, l’inno catalano, e gli scranni degli unionisti desolatamente vuoti, i deputati contrari allo strappo con Madrid hanno lasciato sui banchi solo bandiere spagnole e la senyera, il vessillo della Catalogna, simboli utili per sottolineare l’assenza e l’indignazione. Questa è l’immagine del […]
Zonaeuro - 9 ottobre 2017

Catalogna, imprese in fuga da Barcellona. Crolla il castello della propaganda indipendentista

Yosep Borrell, socialista catalano di lungo corso, chiudendo l’imponente manifestazione unionista ha criticato le imprese catalane in fuga da Barcellona chiedendosi: “perché tanta fretta di trasferire altrove le vostre sedi legali? Non potevate manifestare prima queste intenzioni?”. Borrell, ex presidente del Parlamento europeo ha ragione. In questi ultimi giorni ha sorpreso non poco il silenzio […]
Mondo - 2 ottobre 2017

Referendum Catalogna, una gara senza storia. Ma la sensazione è che abbiano perso tutti

Ogni referendum ha i suoi rituali: urne, schede elettorali, liste vidimate, un presidio di polizia all’ingresso dei locali pubblici adibiti a seggio, il silenzio elettorale nelle 24 ore precedenti il voto, un comitato del “Sì” e un comitato del “No”. Si è visto poco di questo nella consultazione catalana. Nelle ultime settimane le forze dell’ordine sono […]
Mondo - 26 settembre 2017

Referendum indipendenza Catalogna, la vera sconfitta è la moderazione

E’ come se i balconi di Barcellona raccontassero storie o appartenenze. Non c’è facciata che non abbia bandiere legate alle ringhiere, a un piano la senyera, le quattro strisce rosse orizzontali su fondo giallo, riconosciuta come bandiera ufficiale dallo Statuto autonomo catalano. Ad un altro piano il vessillo più in voga, la estelada (il drappo ufficiale […]
Dazi, l’Unione Europea agli Usa: “Siamo partner commerciali, escludeteci”. Ma Trump insiste con Macron: “Necessari”
Migranti, Ue dà altri 3 miliardi a Turchia Ma ne manca ancora 1 al fondo per Africa

•Ultima ora•

×

Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy

×