Attualità

Re Carlo vede Harry (per soli 45 minuti) e poi vola a Sandringham per le cure contro il cancro: il principe costretto a dormire in un hotel

Ciò che non passa inosservato è che Harry, nonostante sia un principe e il quinto in linea di successione al trono, non ha trovato altra alternativa, in questi giorni, che alloggiare in un lussuoso hotel di Londra

di Antonella Zangaro

45 minuti, tanto è durato l’incontro tra re Carlo III ed il principe Harry arrivato a Londra dopo 11 ore di trasvolata oceanica da Los Angeles. L’annuncio del cancro che ha colpito il monarca britannico ha lasciato il Paese e tutto il mondo sgomenti e ha spinto il figlio ribelle a correre dal padre in un gesto molto apprezzato. Soprattutto dalla stampa, da sempre molto critica con il figliol prodigo che ha scelto di lasciare il suo regno per vivere di rancore e rivelazioni in California, con la sua nuova famiglia.

Carlo non ha potuto dedicargli molto tempo, lunedì ha iniziato le terapie per curare il tumore scoperto mentre, a fine gennaio, veniva operato per un adeguamento alla prostata ingrossata. Buckingham Palace non ha voluto dare troppi dettagli, per ora, ma ciò che è dato sapere è che il re ha iniziato le terapie, chemio o radio o altro, a Londra e martedì ha fatto ritorno, in elicottero a Sandringham, la residenza nella campagna del Norfolk. Alcune foto pubblicate sui quotidiani lo hanno immortalato mentre lasciava Londra a bordo dell’auto reale con la moglie Camilla al suo fianco, sorridenti entrambi.

Harry, nel libro Spare (Il Minore), la pietra tombale dei rapporti con la famiglia, aveva scritto che, già a margine del funerale del principe Filippo nel settembre 2022, Carlo si era rivolto ai figli, invitandoli “per favore” a non fargli passare “gli ultimi anni infelice”. L’invito, per ora, non sembra essere stato raccolto, ma tutti i media britannici hanno immaginato l’arrivo del principe ribelle, come un ramoscello d’ulivo teso alla famiglia, un passo verso quella pace tanto attesa e auspicata da tutti.

Tutti tranne William; lui pare che non abbia minimamente messo mano alla sua agenda per andare incontro al fratello al quale non avrebbe perdonato le rivelazioni diffuse generosamente in interviste tv, documentari su Netflix e sul libro bomba uscita un anno fa. Al momento, nessun incontro è previsto tra i due anche se saranno entrambi a Londra perché da oggi, il primogenito, riprende le attività istituzionali dopo aver cancellato ogni impegno per stare accanto ai tre figli George, Charlotte e Louis, mentre Kate era ricoverata in ospedale per una chirurgia addominale e ora si trova a riposo assoluto a casa, dove starà chiusa fino a dopo pasqua.

Ciò che non passa inosservato è che Harry, nonostante sia un principe e il quinto in linea di successione al trono, non ha trovato altra alternativa, in questi giorni, che alloggiare in un lussuoso hotel di Londra, scrivono i bene informati. Che il timore di tenerlo in casa dandogli in mano informazioni riservate, a rischio di finire sui media americani, non abbia bloccato ogni offerta di un posto letto per il duca del Sussex? Fatto sta che il padre, Carlo III, ora resterà in campagna e continuerà a svolgere il suo lavoro “da remoto”, perché qualora le sue condizioni gli impedissero incontri di persona, sono già in programma collegamenti via web con i suoi ospiti istituzionali.

I medici hanno raccomandato riposo, così la sua routine è stata modificata, come spiega il Times: il suo appuntamento mattutino delle 8.30 con il segretario particolare è stato fatto slittare un po’ più avanti e l’attesa alla scrivania della consegna della corrispondenza a tarda sera verrà consentita solo in caso di stretta necessità per evitare di affaticarlo oltre misura. Confermata la ginnastica prescritta dalla Air Force Canadese, il regime alimentare iper salutista e pochissimo alcol. Rishi Sunak, il primo ministro che si è lascato scappare informazioni circa la malattia, informando la tv che “per fortuna il tumore è stato preso allo stadio iniziale”, incontrerà regolarmente il re che, come nel suo carattere testardo e molto tenace, non ha la minima intenzione di mollare. Oggi più che mai

Re Carlo vede Harry (per soli 45 minuti) e poi vola a Sandringham per le cure contro il cancro: il principe costretto a dormire in un hotel
Precedente
Precedente

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.