Come primo atto “voglio restituire dignità alla Pietà Rondanini di Michelangelo che ha dei problemi di allestimento. L’hanno tolta dall’allestimento storico e l’hanno messa in una stanza anonima, volgarissima mancanza di rispetto per un capolavoro”. A dirlo è il neo sottosegretario alla Cultura, Vittorio Sgarbi, che in due diverse interviste, al Corriere della Sera e a Repubblica, ha commentato la sua nomina, spiegando i progetti che è determinato ad attuare. “Tante cose – sottolinea il critico d’arte -. Anche consentire che il Palazzo Ducale di Modena si chiami Palazzo Ducale. Adesso non si può mettere nemmeno un’insegna che si ribellano. Cose inverosimili”.

Quindi Sgarbi ha detto di puntare, come strategia complessiva, alla conservazione: “Bisogna conservare, non spostare, alterare, sconvolgere, distruggere”. Anche il paesaggio rientra in quest’ottica:”Un paesaggio tutelato dall’articolo 9 è sacro. Tu non puoi mettere al posto dei muretti a secco il fotovoltaico. Così come non puoi distruggere la Tuscia mettendo al posto della vite e dell’ulivo i campi fotovoltaici. Ci sono principi fondamentali che vanno rispettati. Occorre conservare nel modo più totale, più radicale possibile. Che poi nell’ambito dei beni culturali la conservazione ha un’accezione totalmente positiva”. E a Repubblica ha annunciato anche che chiamerà Morgan: “Bisogna creare un dipartimento ad hoc per la musica, che deve essere affiancata all’arte, e lui avrà un ruolo”.

Articolo Precedente

Victoria dei Maneskin rivela: “Ho la Fomo, anche se sono stanchissima devo uscire ogni giorno”

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, Antonella Fiordelisi parla del messaggio di Totti. Signorini: “Questa cosa farà arrabbiare Noemi Bocchi”

next