Tutti pazzi per Timothée Chalamet. Letteralmente. A Venezia una folla di ragazzi in delirio ha aspettato per ore sotto al sole l’arrivo dell’attore newyorkese, i giornali gli dedicano intere pagine, sui social non si parla d’altro, almeno nelle ultime 24 ore. Visino angelico, sguardo ammiccante e una spontaneità travolgente: sono queste le chiavi del successo di questo ragazzo di 26 anni che, in sordina, si è fatto largo ad Hollywood riuscendo ad affermarsi tra le star e, al contempo, ha fatto breccia nei cuori dei suoi coetanei della Generazione Z. Atteso alla Darsena per le 13, in tempo per la presentazione di ‘Bones and All’ di Luca Guadagnino di cui è protagonista, Chalamet è arrivato pochi minuti prima delle 13.30, anticipato dal boato di decine di fan che erano lì da ore ed ore ad attenderlo.

Accompagnato dal regista Guadagnino, l’attore – in una mise damascata + bermuda militari by Celine e i suoi riccioli ribelli tanto amati dai fan che gli ricadevano sul viso – è arrivato al Lido e si è fermato per pochissimi minuti a firmare autografi e fare selfie. Magnetico, generoso e sempre sorridente, Chalamet non si è tirato indietro davanti all’entusiasmo dirompente dei presenti: c’è chi è svenuto (più per il caldo, probabilmente, che per l’emozione), chi ha pianto e anche chi, come una fan particolarmente focosa, l’ha abbracciato, ed ha raccolto un pezzo di carta gelosamente stretto da ore in mano ad un altro fan e caduto in terra per la concitazione, facendogli firmare un autografo. Non solo, poi, prima del red carpet, si è avventurato in solitaria tra le calli veneziane, non lesinando foto con i fan e prendendosi anche un tipico spritz.

Neanche a dirlo, tutte le scene sono state immortalate e puntualmente rilanciate sui social dai presenti, con un tam tam di giovanissimi in visibilio e altri pronti a fare “meme” divertenti sul suo conto: “C’è chi dice di aver visto Dio ma io ho visto Timothée Chalamet“, “Timothee Chalamet una volta all’anno compare a Venezia, riscrive la storia e se ne va”, “Vi posso confermare che la pelle di Timothée chalamet è morbidissima, soffice e liscia“, si legge tra i commenti su Twitter, giusto per darvi l’idea del tenore. Ma non è tutto: ad alimentare la venerazione per questo ragazzo c’è anche il fatto che lui sembra essere un tifoso della Roma. È stato avvistato in tribuna all’Olimpico durante l’ultima partita di Serie A e non ha perso occasione per ribadire un “Forza Roma” durante interviste e apparizioni. E ha anche pubblicato una foto su Instagram con Daniele De Rossi, storico calciatore giallorosso (“La storia di timothée chalamet con De Rossi in primo piano è arte moderna”, uno dei commenti). Ma c’è anche chi fa notare un dettaglio: la sua “incredibile” somiglianza con l’ex atleta Sara Simeoni ma anche con Agnese Landini, la moglie di Matteo Renzi.

La star francese è stata protagonista al Lido del primo film italiano a passare in Concorso, una storia d’amore di cannibalismo teen nel Midwest, nella profonda America di provincia.

Articolo Precedente

Vespa orientalis a Roma, la diffusione favorita dal caldo e dalla presenza di rifiuti. L’etologo: “Evento singolare, una vera invasione”

next
Articolo Successivo

Morto Frank Drake, il pioniere della caccia agli extraterrestri: dalle onde radio alla piastra per le sonde Pioneer, così ha cercato di mettersi in contatto con gli alieni

next