Nella mattinata dell’11 agosto è morta Hana Mazi Jamnik. La giovane fondista slovena è deceduta durante una sessione di allenamento mentre si trovava in Norvegia con la squadra A. Secondo le prime ricostruzioni, a causare la morte della giovane è stato uno scontro con un furgone mentre era sugli skiroll, nella zona di Joerpeland.

Jamnik avrebbe compiuto 20 anni a dicembre. Era un giovane talento dello sci di fondo sloveno. Quest’anno era stata inserita nella prima squadra e pochi giorni fa aveva partecipato al Blinkfestivalen, il principale evento estivo dello sci di fondo. Proprio sugli skiroll Jamnik si era distinta ai Mondiali juniores del 2021 in Val di Fiemme, quando aveva conquistato un oro. Si attendeva solo il debutto in Coppa del Mondo, magari già questo inverno. Esordio nel massimo circuito che avrebbe potuto culminare con la partecipazione alla rassegna iridata in casa a Planica nel prossimo mese di febbraio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei Nuoto 2022, l’Italia domina nei 400 misti: oro per Razzetti e bronzo per Matteazzi. Argento nella 4×200 | Tutte le medaglie azzurre

next
Articolo Successivo

L’omaggio senza precedenti a Bill Russell: in Nba nessuno potrà più indossare la maglia numero 6

next