A quasi un mese dall’inizio del gigantesco incendio nel sud-ovest della Francia, in Gironda, il fuoco è ripreso con vigore da martedì 9 agosto divorando più di 6.000 ettari di foresta e costringendo all’evacuazione circa 10mila persone. Si tratta di un incendio “molto vigoroso” che è andato avanti “per tutta la notte” tra martedì e mercoledì nella zona di Landiras, in Gironda, già teatro di un gigantesco incendio, appunto, scoppiato il 12 luglio scorso, ha detto alla stampa Martin Guespereau, prefetto delegato del dipartimento. Tra le persone sfollate anche l’intera popolazione del paese Moustey (quasi 700 persone), come riferiscono i media francesi.

Il gigantesco rogo era considerato sotto controllo fino a martedì quando le fiamme, forse a causa di un atto doloso, complici siccità e alte temperature, hanno ripreso vigore distruggendo nella notte tra martedì e mercoledì quasi 5mila ettari. Nella sua prima ondata, iniziata un mese fa, erano già andati in fumo 14.000 ettari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ucraina, Cnn: “Il bombardamento del carcere di Olenivka da parte di Kiev è una montatura russa”. Bombardamenti nella notte su Nikopol

next
Articolo Successivo

Regno Unito, arrestato “jihadi Paul”, il quarto membro della cellula dell’Isis denominata i “Beatles”

next