Il costo del cambiamento climatico sulla crescita economica è stato valutato da uno studio che ha esaminato l’impatto dell’aumento delle temperature globali sul Pil. Un’analisi dei costi e dei benefici della politica sui cambiamenti climatici è stata effettuata dai ricercatori dell’Università della California e dell’Istituto Europeo di Economia e Ambiente, in Italia, pubblicato da IOP Publishing sulla rivista Environmental Research Letters. La ricerca ha utilizzato un approccio empirico per rivedere l’effetto dell’aumento delle temperature globali e del cambiamento climatico sul prodotto interno lordo (Pil). Dai danni alle colture ai guasti di raffreddamento nei data center basati su cloud, il cambiamento climatico colpisce un’ampia varietà di settori economici. Non è chiaro se l’economia di un paese possa riprendersi ogni anno da questi impatti o se gli aumenti della temperatura globale causino impatti permanenti e cumulativi sull’economia di mercato. I ricercatori hanno scoperto che le economie sono sensibili agli shock termici persistenti per un periodo di almeno 10 anni e hanno un impatto sulla crescita economica in circa il 22% per cento dei paesi analizzati.

“I nostri risultati suggeriscono che molti paesi stanno probabilmente sperimentando effetti persistenti sulla temperatura”, ha affermato l’autore principale Bernardo Bastien-Olvera, ricercatore candidato alla UC Davis. “Ciò contrasta con i modelli che calcolano parametri come il costo sociale del carbonio, che presuppongono per lo più impatti temporanei della temperatura sul Pil. La nostra ricerca si aggiunge alle prove che suggeriscono che gli impatti sono molto più incerti e potenzialmente più grandi di quanto si pensasse in precedenza.”

Ricerche precedenti hanno esaminato la questione stimando l’effetto ritardato della temperatura sul Pil negli anni successivi, ma i risultati non sono stati conclusivi. Con questo studio, scienziati e coautori dell’UC Davis dell’Istituto Europeo di Economia e Ambiente in Italia hanno utilizzato un nuovo metodo per isolare gli effetti persistenti della temperatura sull’economia analizzando le modalità di oscillazione inferiori del sistema climatico. Ad esempio, El Niño Southern Oscillation (ENSO), è una fluttuazione della temperatura da 3 a 7 anni nell’Oceano Pacifico che influisce sulla temperatura e sulle precipitazioni in molte parti del mondo.

“Osservando gli effetti sul Pil di questi tipi di oscillazioni a bassa frequenza, siamo in grado di distinguere se i paesi stanno vivendo effetti temporanei o persistenti e cumulativi”, ha spiegato Bastien-Olvera. Il team ha utilizzato una procedura matematica chiamata filtraggio per rimuovere le variazioni di temperatura annuali con frequenza più elevata. I ricercatori hanno evidenziato che caratterizzare gli impatti della temperatura sull’economia è un compito enorme a cui è improbabile che un singolo gruppo di ricerca possa rispondere. “La disponibilità dei dati e l’attuale portata degli impatti climatici limitano ciò che può essere fatto a livello globale a livello nazionale”, ha dichiarato la coautrice Frances Moore, professoressa di scienze e politiche ambientali presso la UC Davis e autrice principale dello studio. “Tuttavia, la nostra ricerca costituisce una nuova prova in questo puzzle e fornisce un nuovo strumento per rispondere a questa domanda ancora irrisolta.”

Alessandro Berlingeri

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Delega fiscale verso il binario morto (ma era già un’occasione persa). L’eredità di Draghi sul fisco è il taglio Irpef che avvantaggia di più i redditi medio-alti

next
Articolo Successivo

Pensioni, flat tax, salario minimo e contratti: tutte le promesse del programma della Lega che nell’accordo di centrodestra non ci sono

next