A noi piace corto. Il cortometraggio, insomma, ci piace. Spesso anche di più di molti lungometraggi. E poi, come direbbe Zalone, si fa anche prima a finire. A parte doppi sensi e citazioni bislacche, segnaliamo la nuova edizione di un festival di film mignon che seguiamo da tempo: Universo Corto. La nuova edizione si tiene a Tuscania, nel Parco Torre di Lavello dal 20 al 23 luglio 2022. Tra le 19 opere in gara spiccano, tra gli altri, On my mind di Martin Strange-Hansen, selezionato nella cinquina degli Oscar 2022; Roy, prodotto da Chris Overton (già vincitore del premio Oscar e di Universo corto 2019 con Silent Child) e l’interessante lavoro di Giorgio Arcelli Fontana, Chinese Laundry, girato in una lavanderia dell’Upper East Side con protagonista una ragazza cinese, Mong, che comincia a lavorare tra lavatrici e ferri da stiro fino a quando nella tasca di un paio di pantaloni trova due biglietti per l’opera e così comincia a fantasticare sulle arie del Don Giovanni e della Carmen. Presidentessa di giuria sarà la regista tunisino/canadese Meryam Joobeur, recente vincitrice del Sundance Screenwriters’ Lab, ed attualmente impegnata nella lavorazione del suo primo lungometraggio Motherhood. Piccola cautela Covid: ingresso gratuito ma capienza limitata. Per questo è consigliata la prenotazione qui: info@universocorto.org.

Articolo Precedente

“Non ho una storia drammatica, sono felice col mio compagno, ecco perché non mi fanno lavorare il tv”: Claudio Sona si sfoga

next
Articolo Successivo

Manuel Bortuzzo al live di Ultimo, una ragazza disabile si sfoga: “Beato te che puoi stare sotto il palco. Bella figura di m***a. Coda di paglia?”

next