Nel panorama delle sotto varianti di Omicron viene registrata e segnalata alla comunità scientifica quella denominata BA.2.75. “Probabile variante di seconda generazione, apparente rapida crescita e ampia diffusione geografica” sono le caratteristiche che secondo Tom Peacock, virologo del Dipartimento di malattie infettive dell’Imperial College London, dovrebbero spingere chi si occupa di sorveglianza sul coronavirus Sars-CoV-2 a tenere d’occhio il nuovo mutante. Rispetto a Omicron 2 (BA.2), la nuova sotto variante “ha 8 mutazioni aggiuntive” sulla proteina Spike, illustra Ulrich Elling, biologo molecolare dell’Institute of Molecular Biotechnology (Imba) di Vienna. Un numero ritenuto significativo dagli esperti rispetto a quanto osservato in altre sotto varianti (per esempio in BA.5 sono 3). In tutto, invece, secondo i dati che vengono diffusi in queste ore via Twitter, sarebbero 11 le mutazioni che la distinguono da Omicron 5, l’attuale variante più diffusiva.

E a riassumere il timore principale che spinge gli ‘addetti ai lavori’ ad alzare il livello d’attenzione su questo mutante segnalato principalmente dall’India, dove appare “in crescita rapida”, ma intercettato anche in altri Paesi come la Nuova Zelanda e il Regno Unito, è Eric Topol, scienziato americano direttore dello Scripps Research Translational Institute di La Jolla, California: le mutazioni osservate su BA.2.75 “potrebbero rendere la fuga immunitaria peggiore di quella che stiamo vedendo ora“, riflette. Questa nuova sotto variante, aggiunge l’esperto via Twitter, in India appare in competizione con Omicron 5. La preoccupazione è che il vantaggio su BA.5 sia significativo al punto da rendere questa versione di Sars-CoV-2 sempre più contagiosa, a livelli che potrebbero essere superiori a un ‘campione di trasmissibilità’ come il morbillo.

Tanto che Giorgio Gilestro, neurobiologo e docente all’Imperial College di Londra, afferma: “Se i dati su questa nuova variante BA.2.75 venissero confermati, allora potremmo anche trovarci di fronte a un Covid-22”. Elling si chiede se sia “un nuovo lignaggio di cui preoccuparsi”. Il motivo? “Non mi piacciono le mutazioni osservate – scrive – Prima di aver finito con l’ondata di BA.5”, Omicron 5, “potremmo già doverci preparare per la prossima”. Gli occhi sono puntati in particolare sull’India, il Paese da cui arriva al momento il maggior numero di sequenziamenti di BA.2.75. Anche se i casi legati a questa sotto variante sono ancora pochi, “la distribuzione internazionale” delle sequenze virali comunicate alle banche dati “esclude errori di sequenziamento e rende altamente probabile che i numeri reali siano molto più alti“, rimarca ancora Elling.

“Le mutazioni” osservate in BA.2.75 “stanno anche” riguardando “il dominio N-terminale” e il “dominio di legame del recettore”. Ma, tiene a puntualizzare Elling, “è davvero troppo presto” per sapere se BA.2.75 avrà la capacità di rubare la scena a Omicron 2 e Omicron 5. Alcune mutazioni (3 per Elling) possono fare un’enorme differenza. E “il totale delle 11 mutazioni distinte fra Omicron 5 e BA.2.75 potrebbe consentire ancora un’altra ondata, poiché l’immunità di BA.5 potrebbe non” bastare a fare un adeguato muro. Dal canto suo il virologo Peacock non si sbilancia e lascia aperto anche un altro scenario: “Vale la pena dire che è del tutto possibile anche che” questa nuova sotto variante “stia solo crescendo sullo sfondo di BA.2 e che colpisca la barriera di BA.5 e si blocchi. Vedremo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bosone di Higgs, Fabiola Gianotti (Cern): “Pronti a nuova fase. L’acceleratore avrà una capacità di esplorare l’incognito più elevata”

next
Articolo Successivo

Medaglia Fields 2022, assegnata all’ucraina Maryna Viazovska: è la seconda donna a riceverlo

next