Ieri mattina a Londra un giocatore della Premier League, il cui nome non è stato reso noto, è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale. A svelare la notizia sono stati il Sun e il Telegraph, secondo cui il calciatore dovrebbe prendere parte ai Mondiali in Qatar del prossimo novembre. Il soggetto in questione è stato fermato a Barnet, a nord della metropoli in piena notte, alle 3 del mattino. Un folto gruppo di poliziotti è intervenuto per fermare l’uomo nella sua villa multimilionaria. Successivamente è stato trasportato al commissariato dove vi ha passato almeno 15 ore ed è stato interrogato.

L’accusa proviene da una donna 20enne che ha raccontato di essere stata molestata lo scorso mese di giugno in un resort del Mediterraneo, da cui, poco dopo l’accaduto, sarebbe fuggita per rifugiarsi dai suoi familiari. Una volta ritornata nel Regno Unito ha parlato con gli agenti e domenica sera, 3 luglio, si è presentata alla stazione di polizia per rilasciare una dichiarazione completa a sostegno delle sue affermazioni. La ragazza ha mostrato agli investigatori delle foto che, a suo dire, evidenziavano i lividi sul suo corpo dopo la presunta aggressione.

La notizia ha fatto subire il giro del mondo, con i colleghi calciatori che sono rimasti sbalorditi nell’apprendere l’accaduto. La star internazionale è uno dei migliori giocatori della propria squadra di Premier League. Inevitabilmente, l’arresto ha provocato scosse all’interno della società con la quale l’asso aveva già iniziato ad allenarsi ed era in procinto di partire per un tour pre-stagionale. Un fonte interna al club ha dichiarato al Sun che: “Le accuse sono della massima gravità. Ora il giocatore non viaggerà con la squadra. La legge deve essere lasciata libera di fare il suo corso. È un duro colpo per noi, ma la polizia deve fare il suo lavoro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Oliver Kragl? A casa sua puzza e sporcizia, era uno zoo”: la risposta dell’agente immobiliare di Avellino dopo le accuse del calciatore

next