Attualità

Giovanni Storti di “Aldo, Giovanni e Giacomo”: “Oggi non si può dire più niente, certi nostri sketch non si potrebbero più fare”

L'attore comico del celebre trio "Aldo, Giovanni e Giacomo", in un'intervista a Il Giornale, ha sottolineato come oggi ci sia una deriva di eccessivo "politicamente corretto"

di F. Q.

“Ultimamente non si può dire più niente, certi nostri sketch non si potrebbero più fare“. È questo lo sfogo amaro di Giovanni Storti, l’attore comico del celebre trio “Aldo, Giovanni e Giacomo“, che in un’intervista a Il Giornale ha sottolineato come oggi ci sia una deriva di eccessivo “politicamente corretto”. “La comicità è un modo parallelo di vedere la realtà, un modo dissacrante e alle volte un po’ cattivo – ha spiegato Giovanni -. La linea tra garbo e fastidio è sottile, ma penso che il politicamente corretto non sia applicabile alla comicità, anzi la distrugge. Noi abbiamo fatto delle cose che forse non si potrebbero più fare: al Circo di Paolo Rossi picchiavo Giacomo che era privo di braccia e gambe, abbiamo sparato agli animali e oggi ti ammazzerebbero, poi con il dottor Alzheimer abbiamo trattato temi spinosi in modo incredibile”.

Quindi la riflessione: “Forse siamo riusciti a tenere un livello di comicità non così cattiva, pur trattando temi in modo cattivo. Però ultimamente non puoi dire niente, è vero. Ci sono questi gruppi, penso agli animalisti: io amo la natura più di ogni cosa, poi fingi di dare un calcio a un gatto e ti attaccano come se fossi un delinquente. Forse vogliono farsi vedere, ma ti impediscono di dire qualsiasi cosa“, ha concluso l’attore.

Giovanni Storti di “Aldo, Giovanni e Giacomo”: “Oggi non si può dire più niente, certi nostri sketch non si potrebbero più fare”
Precedente
Precedente

Gentile lettore, la pubblicazione dei commenti è sospesa dalle 20 alle 9, i commenti per ogni articolo saranno chiusi dopo 72 ore, il massimo di caratteri consentito per ogni messaggio è di 1.500 e ogni utente può postare al massimo 150 commenti alla settimana. Abbiamo deciso di impostare questi limiti per migliorare la qualità del dibattito. È necessario attenersi Termini e Condizioni di utilizzo del sito (in particolare punti 3 e 5): evitare gli insulti, le accuse senza fondamento e mantenersi in tema con la discussione. I commenti saranno pubblicati dopo essere stati letti e approvati, ad eccezione di quelli pubblicati dagli utenti in white list (vedere il punto 3 della nostra policy). Infine non è consentito accedere al servizio tramite account multipli. Vi preghiamo di segnalare eventuali problemi tecnici al nostro supporto tecnico La Redazione