Calo pesante per gli indici azionari statunitensi dopo che il gruppo Target che gestisce magazzini a prezzi economici ha lanciato un allarme sui suoi profitti. Il titolo della società arretra del 25%. A preoccupare è il fatto che la catena della distribuzione ha spiegato che il suo margine di utile si sta riducendo a causa dell’aumento dei costi logistici (trasporti) e delle retribuzione che avviene in un contesto inflazionistico che inizia a mordere sulla domanda. Il timore è che questa sia solo un avvisaglia di un fenomeno destinato a penalizzare qualsiasi impresa. L’indice S&P arretra di quasi il 4%, il Nasdaq del 4,4%.

Salgono invece i prezzi dei titoli di Stato statunitensi (e quindi scendono i loro rendimenti, fissi ma espressi come percentuale del valore del titolo) a segnalare un flusso di capitali verso prodotti più sicuri. Ieri anche il colosso Walmart ha tagliato le previsione sui suoi guadagni. Scende il bitcoin ( – 4%) che conferma una stretta correlazione con l’andamento degli indici azionari. Dollaro ancora in rafforzamento sull’euro in prospettiva di un ulteriore rialzo del costo del denaro da parte della Federal Reserve, la banca centrale statunitense.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esportazioni italiane in crescita del 23% a marzo ma vendite dimezzate verso la Russia. Inflazione rivista dal 6,2 al 6%

next
Articolo Successivo

Guerra in Ucraina, la filiale russa di Google verso la bancarotta dopo il sequestro del conto da parte delle autorità

next