C’era una volta la berlina business: la Mercedes Classe E, l’automobile scelta da un gran numero di manager per farsi accompagnare, in tutta sicurezza, per un gran numero chilometri senza farsi prendere dalla stanchezza. La sua erede naturale arriva dalle strade del futuro, si chiama EQE ed è una luxury business sedan che anticipa la visione stilistica di Mercedes da qui al 2030.

L’EQE l’abbiamo messa alla prova sulla direttrice Milano-Modena, in una fetta di quel Nord-Est in cui si registra la maggior concentrazione di PMI, oltre 40mila, e la Classe E è una delle vetture preferite da tanti piccoli e medi imprenditori.

Al primo colpo d’occhi viene spontanea una riflessione indirizzata verso quelle persone che dicono: elettrico è sinonimo di anonimo. Beh, forse è tempo di ricredersi: le linee sono filanti, avvolgenti, eleganti, capaci di tagliare l’aria con un CX pari a 0,22. Il muso richiama la più sportiva AMG GT, i fianchi muscolosi e quel profilo che vuole essere un affettuoso omaggio a quella coupè che negli anni ’80 faceva perdere la testa a tanti giovani rampanti. E poi c’è il posteriore, con la sua fascia luminosa, che disegna la firma di tutte le stelle 100% elettriche del firmamento di Stoccarda.

Sono 440 i chilometri da percorrere tutti d’un fiato. Milano, Brescia, Modena e ritorno affidandosi completamente al sistema infotelematico MBUX con Electric Drive, che monitorando in tempo reale i consumi riesce a dare una proiezione sul nostro trasferimento. Nessuna sosta per il rifornimento di elettroni nonostante l’aria condizionata accesa così come la funzione massaggio, la musica, e il filtro per la purificazione dell’aria nell’abitacolo.

La nostra EQE 350+ Launch Edition, poco meno di 5 metri di lunghezza (4,94m), è un po’ più piccola dell’ammiraglia EQS ma non ha nulla da invidiare quanto all’allestimento. A bordo regna il silenzio, i flussi d’aria, le sonorità esterne e quelle di rotolamento sono smorzate da un’ottima insonorizzazione. L’autostrada sfila monotona attraverso il grande parabrezza, impostando il regolatore di velocità attivo e il mantenimento della carreggiata abbiamo modo di distogliere lo sguardo dalla strada per guardarci intorno nell’abitacolo. Rifiniture di gran pregio, cuciture a vista, qualità di alto livello. Le poltrone climatizzate e massaggianti insieme al coach virtuale e il filtro HEPA trasformano il viaggio in un’esperienza sensoriale.

Il prezzo per portare il futuro al presente? 93mila euro per la EQE 350+ Launch Edition: 292 cavalli, fino 654 chilometri di autonomia e circa mezz’ora di ricarica da 10 a 80% con le colonnine ultrafast. EQE, infine, è disponibile da subito in 3 motorizzazioni e 4 versioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Audi RS3 Sportback, la prova de Il Fatto.it – Piacevole nel quotidiano, una belva in pista – FOTO

next
Articolo Successivo

Toyota GR86, la prova de Il Fatto.it – Il piacere di guidare davvero – FOTO

next