Alex Galizzi, consigliere regionale della Lega in Lombardia, ha provato su di sé il dissuasore elettrico. L’esperimento del politico bergamasco è stato pubblicato sui social per dimostrare, come ha detto, che “il dissuasore elettrico non è un’arma, non è come il taser”. Per Galizzi, dunque, “è assurdo che il governo lo vieti alla polizia locale”. Un mese fa Galizzi era finito sui giornali per aver detto, in merito al problema della droga dello stupro, di “monitorare i locali gay” della Bergamasca. Nel 2020, pur ricevendo lo stipendio da consigliere regionale, aveva chiesto e ottenuto il bonus Covid da 600 euro per le partite Iva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Se il politico eletto non mantiene le promesse, siamo in una vera democrazia?

next
Articolo Successivo

Lega, alla kermesse spunta Mariano Apicella: “È Salvini il leader del centrodestra”. E canta per lui

next