È partito puntuale alle 9 lo sfilamento degli Alpini sul lungomare di Rimini in occasione della 93esima adunata nazionale. Migliaia le persone che già di prima mattina attendevano il passaggio delle Penne Nere lungo il tracciato di due chilometri. In tribuna d’onore sono presenti, fra gli altri, il presidente di Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini; il sindaco di Rimini, Jamil Sadegholvaad; il ministro per l’Innovazione tecnologica e la transizione digitale, Vittorio Colao e quello per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà, mentre il ministro della Difesa, Lorenzo Guerini e i generali Francesco Figliuolo e Claudio Graziano hanno sfilato accompagnando il labaro dell’associazione nazionale Alpini assieme al presidente delle Penne Nere, Sebastiano Favero prima di raggiungere anch’essi il loro posto in tribuna. Il passaggio degli Alpini sul lungomare andrà avanti per tutta la giornata a concludere l’adunata.

In testa al corteo di Rimini Giovanni Alutto, classe 1916, reduce della campagna di Russia. Per la prima volta non sfilerà a piedi, ha accettato di salire su una camionetta assieme ad altri commilitoni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dongo, estrema destra sul Lago di Como per commemorare i repubblichini. Il grido del “presente” sovrastato dai fischi del presidio Anpi

next
Articolo Successivo

Giornata nazionale degli Alpini, la lettera di 39 ufficiali a Mattarella: “Cambiare data, quella scelta è ingiusta ed errata”

next