Debutta all’inizio della bella stagione la nuova Ferrari 296 GTS, versione spider della GTB, prima Rossa della storia con motore V6 ibrido plug-in da 830 Cv di potenza massima. E se la meccanica, sopraffina, è quella dell’edizione coupé, a fare la differenza sulla GTS è proprio la presenza di un tetto rigido retrattile, che impiega 14 secondi per consentire ai fortunati passeggeri di viaggiare col vento nei capelli (per ridurre le turbolenze in abitacolo, comunque, è previsto un lunotto in vetro regolabile).

Sotto al cofano, dietro la schiena dei passeggeri, pulsa il 6 cilindri di 3 litri, dotato di due turbocompressori installati in seno alle V di 120° disegnata dalle bancate dei cilindri: eroga 663 cavalli di potenza massima a 8000 rpm, a cui si aggiungono i 167 sprigionati dall’unità motrice elettrica, posta fra il V6 e la trasmissione a doppia frizione a otto marce. L’unità a elettroni, che fa pure da generatore elettrico nelle fasi di rallentamento, è alimentata da una batteria da 7,45 kWh di capacità, che consente alla 296 GTS di viaggiare per circa 25 km a emissioni zero, fino a una velocità massima di 135 km/h, oltre la quale si riattiva anche il V6 a benzina.

Curata l’aerodinamica, che si avvale fra le altre cose, di un’ala mobile posteriore attiva, in grado di generare fino a 360 kg di carico aerodinamico alla velocità di 250 km/h e funziona persino come aerofreno. Fanno parte del corredo tecnico le sospensioni con ammortizzatori magnetoreologici e l’Abs Evo, che permette frenate paragonabili a quelle di un’auto da corsa. Rispetto alla GTB, la 296 GTS pesa 70 kg in più, mentre a confronto con la F8 Spider la rigidezza torsionale aumenta del 50%, a tutto vantaggio della precisione e dell’efficacia di guida.

Per gli insaziabili, poi, c’è l’allestimento Assetto Fiorano, dotato di ammortizzatori a regolazione fissa, derivati dal mondo delle competizioni GT clienti, componenti della carrozzeria alleggeriti – fra cui i pannelli portieri realizzati con la fibra di carbonio – e pneumatici Michelin Sport Cup 2R, dedicati all’utilizzo su tracciato. Prestazioni? Balistiche: 2,9 secondi per scattare da 0 a 100 km/h, 7,6 per toccare i 200 all’ora da fermo e punta massima superiore a 330 km/h. Da definire i prezzi: a titolo di riferimento, quelli della versione coupé GTB partono da circa 270 mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bmw X7, il restyling del suv tedesco è di quelli consistenti – FOTO

next
Articolo Successivo

Mercedes EQS SUV, ecco la nuova elettrica della Stella – FOTO

next